Indietro

BMW - autovettura. La BMW è un produttore tedesco di auto e moto, con sede a Monaco di baviera. Ufficialmente fondata nel 1917, inizialmente per produrre mot ..



                                               

BMW E87

Labbreviazione per BMW E87 identifica la versione a 5 porte della prima generazione della Serie 1, unautovettura del segmento C prodotta dalla casa automobilistica tedesca BMW dal 2004 al 2011 in sostituzione della Serie 3 Compact. Da questa versione sarebbe derivato in seguito, i 3 porte, prodotto dal 2007 al 2012, una due porte coupé e la cabriolet. Questi ultimi due varianti di carrozzeria sono rimasti in listino dal 2007 fino alla fine del 2013.

                                               

BMW Serie 2

La BMW Serie 2 è unautovettura prodotto nel 2014 dalla casa automobilistica tedesca BMW, che è stato annunciato il 25 ottobre 2013.

                                               

BMW Serie 3

La BMW Serie 3 è il nome preso da una serie di berline di segmento D prodotta dalla casa automobilistica tedesca BMW dal 1975, e che, nel corso degli anni, abbiamo aggiunto anche le versioni della famiglia, la coupé e la cabriolet.

                                               

BMW Serie 4

La BMW Serie 4 è unautovettura di gamma medio-alta prodotta a partire dal 2013 dalla casa automobilistica tedesca BMW in tre varianti di carrozzeria: coupé, cabriolet con tetto rigido ripiegabile e coupé a 4 porte.

                                               

BMW Serie 5

La Serie 5 è unautovettura di fascia alta prodotta dalla casa automobilistica tedesca BMW in varie "edizioni", a partire dal 1972. Nel marzo del 2010 ha debuttato la sesta generazione, con carrozzeria berlina e, successivamente, anche il turismo.

                                               

BMW Serie 6

Per la BMW Serie 6 è una vettura di fascia alta prodotta dalla casa automobilistica tedesca BMW tre serie: la prima, etichettati E24, tra il 1976 e il 1989, il secondo, firmato E63 per la versione coupé, introdotta nel 2003 e E64 per la versione cabriolet, introdotto nel 2004, e sia scambiato fino al 2011, anno in cui sono state introdotte, la coupé e la cabriolet di terza generazione. La Serie 6 è stata lunica produzione di serie BMW per essere prodotto in maniera continua: infatti, alla fine della produzione della prima serie, la E24, è stata introdotta la Serie 8, prodotta dal 1989 al 1 ...

BMW
                                     

BMW

La BMW è un produttore tedesco di auto e moto, con sede a Monaco di baviera.

Ufficialmente fondata nel 1917, inizialmente per produrre motori daereo, ha progressivamente esteso la propria attività a diventare una delle case automobilistiche più importanti e prestigiosi del mondo, soprattutto per la qualità di costruzione e la moderna tecnologia e ingegneria dei suoi prodotti.

Nel 2017, il BMW group ha venduto in tutto il mondo 2.505.741 vetture di marchi BMW, Mini e Rolls-Royce e 185.682 veicoli a motore a due ruote BMW.

                                     

1.1. La storia di BMW. Le origini del marchio. (The origins of the brand)

Durante la prima guerra mondiale, industria meccanica tedesca, si era impegnato a migliorare la potenza e laffidabilità dei nuovi aerei da combattimento, che, per la prima volta, ha giocato un ruolo importante nella guerra e non solo.

Anche Daimler aveva messo a punto un motore di aereo, effettuato dalla controllata austriaco Austro-Daimler e sviluppato da Max Friz, uno dei brillanti ingegneri del reparto corse di Daimler, la cui attività è stata sospesa a causa della guerra.

Commissionato dal governo austriaco, per motivi di velocità di produzione, la costruzione dei motori, Austro-Daimler è stata affidata al licenziatario bavarese, Rapp Motorenwerke, una società di Monaco di baviera, fondata nel 1913 da Karl Rapp e Giulio Auspitzer, in cui Friz si trasferì con la speranza di veder realizzato il suo progetto per un motore daereo con sei cilindri in linea e albero a camme in testa, in grado di operare a quote molto elevate, ben oltre i 5.000 metri. Il Rapp, nella sua veste di supervisore tecnico aviazione militare austro-ungarico, era presente lingegnere Josef Popp, del quale un Fregio ha mostrato i disegni del suo nuovo motore.

Popp capito subito che si trattava di un motore tecnologicamente molto avanzato e fomentarono ladozione del Rapp Motorenwerke. Il prototipo del nuovo motore è subito capito, mostrando doti di potenza e leggerezza, che è ben al di sopra della produzione dellepoca. La notizia suscitò subito linteresse del Reich tedesco che, per riconquistare la supremazia nei cieli, ordinò la sua costruzione in 600 copie. Il 7 marzo 1916 il Rapp Motorenwerke fusa con unaltra società tedesca di Monaco di baviera motori costruzione daereo, il Gustav Otto Flugmaschinenfabrik dellingegnere Gustav Otto, figlio del più famoso Nikolaus August Otto linventore del motore a combustione interna, le due società, pur continuando ad operare con i singoli motivi di ordine sociale, andarono a costituire un consorzio industriale che è registrato come Bayerische Flugzeugwerke (BFW, in base al numero 76 di Lerchenauer Straße. Ma nonostante lacronimo non è che delloggi noto produttore di automobili e moto, bavarese, alcuni storici prendere il 7 marzo 1916 come la data di nascita della BMW, anche se, ufficialmente, il marchio è stato ancora inesistenti.

Pochi mesi dopo la fusione, Gustav Otto lasciato lazienda con lo stesso nome, che era un po chiuso. In pratica, da questo punto in poi, la BFW è stato trovato per contenere solo il Rapp Motorenwerke, ma non passò molto tempo che anche Karl Rapp deciso di ritirarsi dalla direzione della sua azienda e il 26 novembre 1916, Josef Popp ha preso la guida cambiando il nome del Rapp Motorenwerke in Bayerische Motorenwerke GmbH BMW. Questo cambiamento di nome è stato datato 21 luglio 1917, e con la sua iscrizione alla Camera di Commercio, il marchio BMW ha avuto per la prima volta la sua comparsa nel panorama del settore, ingegneria, tedesco e molti altri storici, questa era la data di nascita ufficiale del costruttore bavarese. La produzione di motori per aerei è continuato per tutto lultimo periodo della Prima Guerra Mondiale: in particolare, Popp è proceduto ad avviare la produzione di motori aeronautici è stato progettato da Friz, che più tardi diventerà famoso come il BMW IIIa. Da un atto del 5 ottobre 1917, la produzione di BMW esteso anche ai veicoli di terra, e anfibi, e persino biciclette e accessori per auto. Nello stesso periodo, Popp brevettato il nuovo logo della Casa, che è, il campo circolare nero contenente concentrici, rappresentazione dei colori nazionali della bavarese bianco, blu e oro. Il simbolo è arrivato fino al XXI secolo, con alcune variazioni nella grafica e nei colori, che consistono principalmente nel cambiare il tipo di carattere, la spaziatura tra lettere e dalladozione di colore argento anziché doro. Si prega di tenere presente che lattività di BMW in questi primi anni, passò sotto il controllo della Bayerische Flugzeugwerke, che continua ad avere la propria sede principale. Grazie al lavoro della guerra, la piccola azienda è cresciuta rapidamente. A bordo dellaeroporto militare di Oberwiesenfeld Monaco di baviera, lazienda ha costruito un ampio impianto, proporzionate alla forte crescita della produzione, dove fino al 1918, hanno fatto di motori per aerei militari.

Un anno dopo la sua nascita, e precisamente il 13 agosto 1918, la Bayerische Motorewerk GmbH è diventato Bayerische Motorenwerk AG, una società per azioni con un capitale di 12 milioni di marchi tedeschi, di cui un terzo del consigliere commerciale dellitaliano Camillo Castiglioni. La direzione tecnica della società è stato assegnato allamministratore GmbH, Franz Josef Popp. Alla fine del conflitto, le decisioni derivanti dal patto di Versailles del 1919 che ha portato molti cambiamenti, destinato a cambiare radicalmente la storia della BMW. Il Regno di Baviera si è fusa con la Repubblica di Weimar, che è stata vietata la costruzione di aeromobili, rompendo la strada per il luogo e sviluppare i collaudati motori IIIa. Inoltre, linflazione al galoppo stava mettendo in grave crisi, il tessuto industriale del tedesco, tra cui la stessa BFW e BMW. Fu a questo punto che Castiglioni è intervenuto in modo più efficace le sorti della Casa dellElica. Già fondatore nel 1920 della Süddeutsche Bremsen-AG, una società attiva nel settore metalmeccanico, nella primavera del 1922, Castiglioni comprato lintera BMW e, insieme con Popp, ha affrontato la produzione, inizialmente presso le filiali di moto e nautica. Questo era, tuttavia, come risultato anche la scomparsa della Bayerische Flugzeugwerke. Lex-proprietà immobiliari di BFW sono stati rilevati da Castiglioni e, in allegato, invece, la Süddeutsche Bremsen. Nel frattempo, le imposizioni del Trattato di Versailles, rispetto alla produzione di aeromobili in Germania è diventato meno rigido, e nel 1922, BMW è stata in grado di restituire unesperienza di motori aeronautici, riavvio e così, gradualmente, questo settore rimarrà attivo fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Nel 1924, la produzione di aerei potrebbe essere detto di essere riavviato.

                                     

1.2. La storia di BMW. Linizio della produzione motociclistica. (The start of the motorcycle production)

Parlando di moto di serie, è stato commissionato da Popp e Castiglioni, per la ricerca di nuove opportunità di mercato che consentirebbe di utilizzare le macchine le conoscenze tecniche acquisite. Tra i primi compiti, è stata affidata a Friz la progettazione di un motore per il veicolo e la barca, e responsabile del laboratorio di Martin Stolle, la creazione di un motore di una moto. Il primo modello di moto nel marchio BMW risale al 1923 ed è stato commercializzato come la BMW R32, è stato il progenitore di diverse generazioni di moto, in genere piuttosto apprezzato, e quindi per i fortunati riscontri commerciali. Nei decenni successivi, e fino ad oggi, la BMW è famosa per la sua moto.

                                     

1.3. La storia di BMW. Inizio della produzione automobilistica. (The beginning of the automotive production)

Ma il settore industriale, per il quale la società diventerà più famoso di sempre automotive. La nascita e lo sviluppo della produzione automobilistica BMW ha avuto luogo nel periodo tra la fine degli anni 20 e linizio degli anni 30 del secolo scorso. Dal 1926, il numero uno della società bavarese fu Georg von Stauss, un rappresentante di Deutsche Bank e, dal 1927, anche il presidente del colosso bancario tedesco. Camillo Castiglioni è stato il vice di von Stauss e ricoperto la carica di presidente di BMW. Tra i due cominciarono a stabilire una sorta di rivalità latente, accesa da von Stauss per cercare di limitare progressivamente linfluenza di Castiglioni, è ancora molto forte, allinterno del consiglio di amministrazione. Questa rivalità, tuttavia, spesso non visibili, in quanto i due gestori sono stati spesso di lavorare su obiettivi comuni. Tra questi obiettivi cera quello di espandere la produzione di BMW anche per lindustria automobilistica. Non è necessario, tuttavia, per iniziare da zero, ma di rilevare un costruttore già iniziato, dalla consolidata reputazione, ma in quel momento-gravati da pesanti difficoltà finanziarie. E stato Castiglioni ricerca di un simile costruttore: alla fine la scelta cadde sul Fahrzeugfabrik Eisenach, che diversi anni fa era la produzione di veicoli con il marchio Dixi. Alla fine della Prima Guerra Mondiale, la Casa di Eisenach era in gravi difficoltà finanziarie a causa della sua difficoltà a tornare a un regime produttivo che è stato anche redditizio. Per questo, nellimmediato prima guerra mondiale, ha collaborato con il Gothaer Waggonfabrik, un produttore attivo nel settore del trasporto ferroviario con sede a Gotha, non lontano dal Fahrzeugfabrik Eisenach. Grazie a tale sostegno, lultima è stata in grado, nel 1927, per avviare la produzione dellAustin Sette su licenza. Questa vettura è stata commericalizzata come Dixi DA1. Un popolare modello di prodotto sotto licenza potrebbe, in teoria, fornire proventi finanziari è sufficientemente tuttaltro che piacevole. Purtroppo, la situazione non è migliorata, anche a causa di alcune politiche commerciali non azzeccate. Fu a questo punto che subentrò il presidente della BMW Camillo Castiglioni, proponendo unalleanza con il Fahrzeugfabrik Eisenach: laccordo è stato perfezionato il 14 novembre 1928, quando BMW ha acquistato il produttore di Eisenach per 200.000 marco, con più di 800.000 marchi in azioni di BMW. In un primo momento, non ci sono state grandi rivoluzioni, come la macchina a Eisenach continuato ad essere prodotto con il marchio Dixi. Che cosa si è voluto verificare a che punto era lefficacia commerciale della Dixi DA1, e la possibilità di rievare di tutta la produzione e la commercializzazione del modello, con il debutto della BMW logo anche su una macchina con quattro ruote. Questo è successo alla fine del mese di luglio, 1929, quando la macchina ha cominciato ad essere commercializzati con il marchio dellElica. Questo ha segnato la fine del marchio Dixi e Fahrzeugfabrik Eisen



                                     

1.4. La storia di BMW. Anni 30, la crisi, lespansione e la corsa agli armamenti. (The 30s, the crisis, the expansion and the arms race)

La BMW ha cominciato a produrre nello stabilimento di Eisenach stesso modello Dixi, con il nome ufficiale del BMW 3 / 15, un modello che in seguito sarebbe stato sostituito da 3 / 20. Nel frattempo, la crisi finanziaria del 1929 cominciò a sentire i suoi effetti allinizio degli anni 30. Ma la presenza di un modello economico in BMW consentito la Casa dellElica per superare il periodo buio, senza troppe difficoltà, anche se in ogni caso hai avuto perdite non indifferente nel bilancio di inizio decennio. Basti dire che se, nel 1930, il volume di affari è salito da 27 a 36 milioni di reichsmark, nei due anni successivi, la percentuale è crollata al primo 27 e poi per i 20 milioni di reichsmark. Ma, come già detto, sono stati i modelli 3 / 15 3 / 20 per garantire che le cessioni potrebbero sostenere il peso della delicata congiuntura finanziaria di quel periodo di tempo. La qualità delleconomia di funzionamento di questi due modelli catturato lattenzione dei clienti, soprattutto in quella che in quegli anni era costretta a passare ad un auto di fine minore per essere in grado di risparmiare denaro in tempi di crisi. E anche la moto, in particolare i modelli meno costosi, come il neonato R2, ha finito per essere una valida alternativa per coloro che hanno la necessità di muoversi rapidamente e in economia. Anche il catralogo aggiunto tricicli a motore per il trasporto di piccole merci, trasporto a basso costo e di connessione con le tasse che sarebbe stato in grado di aiutare nel difficile periodo della crisi finanziaria globale.

Nel frattempo, cerano ancora gli investimenti per nuovi motori per aeromobili, come per esempio il motore del Velivolo, un nove-stella cilindro da 525 CV, in realtà, un motore Pratt & Whitney R-1690 costruito su licenza dalla società bavarese nel 1928, ma allinizio degli anni 30 si è evoluto dalla stessa BMW, che ha portato da altri motori più efficienti. Vendita di motori per aeromobili divenne, durante il periodo di crisi, che la Casa dellElica dovuto esternalizzare le ultime attività del settore automobilistico e motociclistico, dando vita così alla BMW Flugmotorenbau GmbH, unazienda industriale, con sede a Eisenach, in un istituto diverso da quello in carica della produzione automobilistica.

Nel 1932, lanno di maggiore impatto della crisi nei bilanci della BMW, è stato introdotto, come già detto, 3 / 20, lerede del 3 / 15, apparentemente simile al modello di derivazione di Austin, ma in realtà frutto di un nuovo progetto. 3 / 20 è stata la prima vettura interamente progettata e costruita dalla Casa dellElica, segno dellemancipazione della produzione di auto da qualsiasi altro produttore. 3 / 20 è stato incluso nella fabbrica, la Daimler-Benz di Sindelfingen, una curiosità che, in realtà, era la sua motivazione in un accordo tra la Casa di Stoccarda e Monaco di baviera, stipulato allo scopo di ottimizzare la rete di vendita e assistenza, ma che, in realtà, ha visto tra le varie opzioni si può anche fare uso di linee di montaggio a Sindelfingen, tradizionalmente utilizzato dalla Daimler-Benz allassemblaggio del corpo.

Nel 1933, con larrivo del nuovo capo del settore tecnico e Fritz Fiedler, la società, la bavarese è andato su per la produzione del primo motore a sei cilindri ad alte prestazioni e il primo modello di alta classe dellautomobile, 303, che è stato dotato di un motore da 1173 cm3 e 30 HP. In questa vettura, inoltre, è apparso per la prima volta il modello classico di il radiatore anteriore in forma di reni, fianco a fianco, che diventerà tipico di tutte le auto BMW. Negli anni seguenti, BMW ha sviluppato la sua produzione di modelli di classe superiore come la BMW 320, 326, due modelli con cui la Casa dellElica lanciato per la prima volta, la sua sfida per Mercedes-Benz nel campo delle vetture di prestigio, una rivalità molto accesa anche al giorno doggi. Ma la prima auto che è veramente innovativo, che ha dato prestigio ad una giovane società bavarese e ha dimostrato lalta capacità tecnica e di ingegneria, è stato il modello 328 è dotato di un motore moderno con la testa del cilindro in lega leggera valvole e Vedere La BMW 328 è stato anche dotato di grandi qualità dinamiche e ha contribuito ad aumentare la reputazione di BMW come marchio sportivo, la nuova vettura conseguito numerose vittorie in concorsi, tra cui edizione della Mille Miglia del 1940. La BMW 328 è stato costruito nel 462 esemplari ed è diventato una macchina molto popolare tra gli esperti e gli appassionati di auto sportive di quel periodo.

Ma il mondo è stato a guardare con preoccupazione a una situazione più allarmante: il regime di Adolf Hitler stava facendo progressivamente peggiorare la situazione, fino al punto di non ritorno, la corsa agli armamenti, che alla fine dei 30 anni, aveva già cominciato. Era già la vigilia dellolocausto: il 1 ° settembre 1939 Hitler invase la Polonia, dando così il via alla seconda guerra mondiale.

                                     

1.5. La storia di BMW. BMW durante la seconda guerra mondiale. (BMW during the second world war)

Durante il periodo della Seconda guerra mondiale, la BMW ha preso parte alla guerra della Germania nazista, come gran parte delle aziende tedesche. La leadership del complesso industriale-militare del terzo Reich commissionato la BMW la produzione di numerosi veicoli militari, tra cui la costruzione di uno dei più classici e più in generale, per la storia, la R75. Erano anche le auto di produzione, ma dallinizio della guerra, il regime nazista proibì la vendita a privati, per i quali la produzione ha continuato con il contagocce: allinizio del 1940 fino ad autunno dello stesso anno, sono stati venduti solo 201 auto.

Ma al di sopra di tutti, la Casa dellElica impegnata nello sviluppo e messa in produzione di motori per aerei: per aumentare la produzione già nel 1939, la BMW ha acquisito lo stabilimento di berlino del Brandeburgische Motorenwerke, fino a quel tempo apparteneva al gruppo Siemens. Da quel momento, fino alla fine della guerra, i tre stabilimenti BMW è venuto a produrre alcune delle decine di migliaia di motori per aeromobili, sempre sotto legida della BMW Flugmotorenbau. Tra i vari motori prodotti da BMW a quel tempo, cè stato il famoso motore radiale BMW 801 14-cilindro motore che era montato a partire dal 1941, sulleccellente caccia Focke-Wulf Fw 190. Il motore è potente e compatto, aria-raffreddato da una ventola di 12 lame, è stato dotato di un compressore a due stadi, e in dotazione fino a 1.600 HP al decollo, e 1.440 CV a 5.700 altitudine. La caccia Fw 190 con questo motore aveva la formidabile performance e nel periodo del 1942-1943, ha dimostrato di essere superiore agli aerei avversari. Il motore BMW 801 dotate di molti altri velivoli della Luftwaffe durante la seconda guerra mondiale, tra cui alcune versioni di bombardieri Heinkel He 177 Greif, Junkers Ju 88, Junkers Ju 188, Junkers Ju 290, e il Messerschmitt Me 264, è stata realizzata anche una versione con motore BMW 801, il gigante del trasporto aereo Messerschmitt Me 323. Un altro motore, considerata letà massima per il livello di tecnologia, è stata la BMW 003, uno dei primi motori a reazione.

Durante la seconda guerra mondiale, la BMW, le altre principali industrie tedesche, impiegati numerosi lavoratori stranieri costretti a trasferirsi in Germania e ampiamente utilizzato nel lavoro praticamente gratis fornite dal sistema dei campi di concentramento, diretto dallapparato amministrative e militari delle SS, in particolare negli stabilimenti di Monaco di baviera, impegnata nella produzione di motori per aerei, nel settembre del 1944, e ha lavorato per circa 16.600 lavoratori stranieri, parte dei quali provenienti da un campo di prigionieri di guerra, e anche dalla sezione di Allach campo di concentramento di Dachau. Gli stabilimenti di Eisenach, Abteroda e Neunkirchen, impiegando ugualmente i prigionieri e i lavori forzati.

La produzione bellica della BMW sofferto un grosso rallentamento quando lo stabilimento BMW Flugmotorebau di Eisenach è stata distrutta dai bombardamenti alleati. Le autorità militari tedesche si premunirono di tempo, con il trasferimento di parte della produzione in altri stabilimenti, i bambini che non erano mai appartenuti a BMW, ma dove ha la Casa dellElica dovuto spostare parte delle linee di montaggio. In questo modo, la produzione di guerra BMW hanno partecipato anche gli stabilimenti di piccole dimensioni in Immenstadt, Kempten, Kaufbeuren, Allach e Oberwiesenfeld, situati in luoghi meno visibili da parte delle forze alleate. Ma anche tali attività nascoste sono stati scoperti e bombardata.

                                     

1.6. La storia di BMW. La seconda guerra mondiale e la grave crisi della BMW. (The second world war and the severe crisis of the BMW)

Con la fine delle ostilità, aperto un periodo di grande difficoltà: le piante rimaste in piedi doveva essere in gran parte riconvertito alla produzione civile. Questo è stato imposto dagli alleati al fine di non ritorno per la fabbricazione di motori per aeromobili, la cui produzione sarebbe in conflitto con il desiderio di impedire il riarmo tedesco. Sterzo BMW nellimmediato dopoguerra è stato costituito in sostanza da un triumvirato composto da Kurth Donath, Hanns Grewening e Heinrich Krafft. Il rilancio della casa bavarese è stata fondata inizialmente per la produzione di motociclette, che ha permesso a BMW per ottenere le prime boccate di ossigeno. Per muoversi in questa direzione è stato il responsabile del controllo interno, presso la fabbrica di Allach, Georg Meier, vincitore del Tourist Trophy nel 1939, in sella ad una moto BMW. Ma questo non è sufficiente: è necessario tornare alla produzione automobilistica. Questo si è rivelato, tuttavia, molto difficile, perché alla fine del conflitto, le autorità sovietiche di stanza presso larea orientale della Germania, da dove sarebbe nato nellEst della Germania. Tale area comprende la città di Eisenach, dove la Casa tedesca, costruito di solito sulla loro auto. Dei due stabilimenti di Eisenach, solo quello destinato alla produzione di auto uscì indenne dai bombardamenti: è stato posto sotto il controllo della società di proprietà dello stato sovietico Avtovelo, che ha cominciato a produrre abusivamente i modelli di BMW con il marchio BMW, sulla base dei progetti presenti nella pianta espropriati. Di questo periodo sono alcune delle versioni di BMW 321 326, un modello semi-nuove, BMW 340, creata sul telaio del 326, ma con il corpo profondamente rivisitato, soprattutto nella parte anteriore. Dopo alcune vicissitudini legali BMW è stato quello di costruire le auto a Eisenach con un altro marchio. Nasce così la settimana europea della mobilità Eisenacher Motorwerke. Ma la BMW, si trovò ancora in grado di produrre automobili: lo stabilimento di Monaco di baviera aveva fino a quel momento ospitava le linee di montaggio moto, ma non avevo mai realizzato una sola auto. Ci sono stati reclami tutti in giro in BMW, che ha cercato di spingere lazienda verso una ripresa della produzione automobilistica, ma i vertici BMW sono sempre stati la richiesta. Il solo di risorse finanziarie con le quali cercare di riavviare la produzione di auto hanno dato solo dalla vendita di motocicli, che erano tra laltro, un buon successo nellimmediato dopoguerra e dai proventi relativi alla costituzione di Allach, in affitto per le autorità americane, come un magazzino ricambi e officina per la riparazione dei propri mezzi militari. I tentativi sono stati fatti nel corso dei negoziati con la francese Simca per la produzione su licenza, accordi di non venire mai a buon fine, e il tentativo di progettazione ex-novo di una vettura di piccola cilindrata, ma anche in questo caso, senza la quale il progetto è venuto a scadenza: troppo costoso sviluppare un progetto senza precedenti, anche se



                                     

1.7. La storia di BMW. La rinascita. (The rebirth)

Loccasione arrivò quando a Ginevra nel 1954 è stata presemtata la Iso Isetta, una macchina in miniatura del design italiano, e dalla caratteristica forma ad uovo, per la verità in Italia, ha lottato con le vendite. Era limportatore BMW Svizzera, notando la piccola auto, ha parlato con lamministrazione di BMW a Monaco di baviera. I vertici BMW ha preso la validità del progetto e, dopo aver acquisito la licenza, si cominciò a produrre la piccola auto con il marchio BMW. In Germania, lIsetta, non solo è diventato un successo commerciale, un aumento delle vendite non proprio convincente di registrare in patria, ma ha rappresentato il primo passo di risollevare le sorti della BMW. Solo il primo passo, ma ancora non è stata assolutamente parlare di salute finanziaria, come fare passi falsi, era ancora facile. E infatti, sulla base della sfortunata costoso 501 e 502 sono state fatte delle coupé 503 e la roadster 507, molto affascinante, ma anche finalizzata a numeri di vendita non è davvero incoraggiante, 413 campioni per la coupé e 252 per la roadster. Nel frattempo, la Isetta è poi aggiunto il 600, simili a piccole bolle auto nellimpostazione del corpo, ma con spazio interno per 4 persone. Lanciato nel 1957, è stato sostituito due anni più tardi con la BMW 700, infine, una piccola BMW aspetto di una vera e propria auto, ma il prezzo molto competitivo. Con il lancio del 700, la società bavarese è emancipata, quindi, un segmento di mercato in cui lush è la concorrenza, in particolare nella Germania Occidentale, dove anche lHeinkel e Messerschmitt proposto microvetture molto valido. I confortanti dati di vendita di 700 sono stati un ulteriore passo verso il consolidamento della BMW.

La situazione finanziaria della società è rimasto, tuttavia, molto critica: alla fine del decennio la crisi appariva insolubile e i dirigenti operativi di proposte signori azionisti, nel corso di una drammatica assemblea generale il 9 dicembre 1959, di vendere la società a Daimler-Benz. Durante la riunione, alcuni piccoli azionisti, tuttavia, si opponeva alla vendita e ha affermato che la cera è ancora la possibilità di ristabilire la solidità finanziaria della BMW, a questo punto, la situazione è stata risolta dallintervento di Herbert Quandt, uno dei principali azionisti dellimpresa che ha espresso fiducia nella possibilità di recupero e hanno deciso di aumentare fortemente la sua partecipazione a diventare il titolare della maggioranza del pacchetto azionario, e quindi di proprietà. Lascesa della dinastia dei Quandt è stato uno dei passi decisivi per la rinascita di BMW, come un produttore di auto di prestigio. Gli eredi di Herbert Quandt, sono ancora oggi alla guida della BMW.

                                     

1.8. La storia di BMW. Il 60 e il ritorno allo spirito di BMW. (The 60s and the return to the spirit of BMW)

Dopo il cambio di soci che impediva la vendita della società, la BMW, grazie al nuovo proprietario, ha raggiunto il suo finale di economia di pace, ma il recupero è stato tuttavia lenta e difficile, il buon risultato di vendite della BMW 700, lauto di fascia bassa, progettato con laiuto della designer italiano Giovanni Michelotti, era un toccasana per la casa di baviera. Da quel momento, la BMW restituito gradualmente ad una situazione economica positiva: dopo la BMW 700 è stato lanciato, infatti, la BMW 1500, il primo modello della serie, Neue Klasse, da cui sono poi derivati i modelli della Serie 02. Entrambi questi modelli costituito un vero punto di svolta per la società bavarese, nel senso che hanno portato il marchio dellElica di nuovo alloriginario lo spirito della BMW, molto apprezzato negli anni 30. Entrambi si ricostituirono la filosofia del marchio, ma nella proiezione verso il futuro, in modo che anche i modelli che sarebbe venuto dopo sarebbe incarnato molte caratteristiche dei due modelli lanciati nel 1962 e nel 1966. Sono nati in stile destinata a durare a lungo: il frontale inclinato in avanti, impostazione sportiva, ma anche il famoso gomito di Elementi, vale a dire, un particolare design del montante posteriore è destinato a durare per diversi decenni, e che deve il suo nome al designer BMW dellepoca, vale a dire, Wilhelm Hofmeister. Non solo, ma sia la Neue Klasse nella Serie e 02 ottenuto un tale successo da costringere lazienda tedesca cerca di una nuova fabbrica per aumentare il tasso di produzione.

Il punto di svolta avvenne nel 1966, quando BMW ha rilevato lintero marchio tedesco Glas, dedicata fino a quel momento lauto di fascia bassa e media. Il Vetro è un produttore con sede nel comune di Dingolfing, sempre in Baviera, in germania, negli anni 50 è riuscito a ritagliarsi una buona fetta di mercato grazie al successo, che a quel tempo stavano godendo il microvetture, un settore in cui il Vetro è stato presente con la sua automobile chiamato la Goggomobil. Ma con lesaurirsi di questa tendenza del mercato, il Vetro è andato in crisi e con scarsi risultati, i tentativi di aumentare gradualmente il livello di prestigio dei suoi modelli, dal piccolo Goggomobil è passati ai modelli più impegnativi fino alla coupé di lusso con un motore V8. Nel 1966 BMW rilevò la fabbrica di Dingolfing e i modelli di Vetro, sono stati commercializzati sotto il marchio BMW. Glas continuerà a costruire le macchine, ma con il marchio BMW. In breve, la Glas sarebbe esistito solo come un fornitore di conchiglie per essere equipaggiato con il meccanico BMW. Ancora oggi, tuttavia, i modelli derivanti dal presente accordo, pur avendo fatto parte della BMW, sono attribuite al Vetro. Il primo modello nato nel periodo BMW-Glas è stata la 1600 GT, una coupé di fascia medio-bassa venduti con il marchio BMW e coerente in una riedizione del precedente Glas il 1300 e il 1700 GT, ma con motore BMW da 1.6 litri. La versione di punta, cioè lormai ex-Glas V8, divenne lantesignana serie E9, la prima vera coupé di lusso moderno realizzato interamente dalla Casa dellElica e lanciato nel 1968, insieme con la sua versione della berlina, cioè la serie E3. Questo anche perché la BMW-Glas dimostrato di essere in realtà un fallimento commerciale, e per questo il marchio Glas è stato eliminato alla fine degli anni 60 e lo stabilimento di Dingolfing è stata smantellata e ricostruita secondo le esigenze della BMW: oggi, è ancora attivo e ci sono prodotti, la nuova generazione di Serie 5 e Serie 7.

                                     

1.9. La storia di BMW. Gli anni Settanta e Ottanta, tra lespansionismo e geografica e tecnologica. (The Seventies and the Eighties, between expansionism and its geographical and technological)

Tra gli anni settanta e gli anni ottanta, la BMW è sempre più consolidato il suo ruolo di produttore di assumere rilevanza mondiale. Il nuovo presidente della società è diventato, nel 1970, Eberhard von Kuenheim, che ha promosso con successo per lo sviluppo tecnologico e la produzione di BMW von Kuenheim, ricopre il ruolo di top manager dellazienda fino al 1993 e ha avuto un ruolo decisivo nel processo di costante sviluppo a livello globale del marchio bavarese, promuovendo soprattutto il livello di qualità e di ingegneria dei suoi prodotti. 1972 ha visto la nascita del Motorsport, che di lì a pochi anni, saranno legame molto stretto con la BMW e per segno le versioni di punta di ogni modello. Ma soprattutto, nel quadro di un pr0cesso razionalizzazione della gamma, vide la luce la prima generazione della Serie 5, che sarà seguita da varie Serie 3, serie 6 e Serie 7, solo per citare quelli più vicini dal punto di vista temporale. Nel quadro dei programmi per il miglioramento della società nel 1973 è stato inaugurato il nuovo centro di leadership nel centro di Monaco di baviera nel famoso grattacielo Vierzylinder. Nello stesso anno vide la luce la prima BMW turbo di serie, cioè la 2002 Turbo: la soluzione della sovralimentazione mediante turbocompressore rimarrà, comunque, limitato a sporadiche applicazioni per i prossimi trenta anni. Invece, avrà ripercussioni molto più visibili della crisi petrolifera del 1973, BMW avvertire degli effetti è molto meno rispetto ad altri costruttori: se alla fine del 1973, sono state prodotte 197.446 auto con una forza lavoro pari a 27.737 unità e un fatturato di oltre 2.6 miliardi di marchi, un anno dopo che il personale è stato ridotto di quasi 2.000 dipendenti a fronte di circa 8.500 auto, e un fatturato che è sceso a 118 milioni di marchi. Ma già alla fine del 1975, è tornato a salire, e con ancora più forza di prima, considerando che il numero di dipendenti, i veicoli di produzione, e il giro di affari è portato a livelli ben superiori a quelli raggiunti due anni prima. Sono, tuttavia, necessari alcuni tagli alla gamma di modelli di BMW: la vittima "eccellente" di questi tagli è stata la 2002 Turbo, rimosso dalla lista di novembre del 1974, che è stato un contatore, due mesi dopo il lancio del 1502, la versione base di una Serie 02 è ormai vicina alla pensione, sostituita dalla prima generazione della Serie 3.

A quel punto, è il raggiungimento di un buono stato di salute finanziaria, i luoghi della BMW è diventato espansiva: se in Francia, Italia e Belgio, è stata creata una fitta rete di servizi di assistenza post-vendita, in sud Africa, è stata creata una fabbrica per lassemblaggio sito dei modelli BMW e ha cercato di rafforzare la presenza della Casa tedesca negli stati UNITI, uno dei mercati di riferimento per marchi come BMW e come la sua rivale, in la storia, la Mercedes-Benz. La fine del decennio incontrato altri due acuta recanti il marchio dellElica: nellautunno del 1978, che era basata sulla M1, la prima BMW serie a sopportare la storica "M" Motorsport Jochen Neerpasch, che hanno contribuito alla realizzazione di questo unico berlinetta vestito da Giugiaro e alimentato da una vigorosa 6 cilindri in linea da 3.5 litri e 277 CV di potenza massima. È stata la prima BMW in grado di competere su un piano di parità con alcuni granturismo nato in Emilia Romagna, e divenne subito oggetto di attenzione di facoltosi appassionati che potevano permettersi di acquistare uno. In tre anni sono stati prodotti 460 unità. La seconda grande novità è venuto un anno dopo il lancio della M1: autunno del 1979, la BMW ha raggiunto i 3 milioni di vetture prodotte solo con la seconda guerra mondiale.

Gli anni 80 sono stati caratterizzati da un grado di evoluzione tecnologica, o meglio, di completamento sul piano tecnologico, in particolare per quanto riguarda i motori: il decennio si apre con il debutto di una M535i, la versione del top di gamma di E12, che è stato il precursore del successivo M535i derivato dalla prossima generazione di Serie 5, e che sarà la prima M5. Tutti i modelli di marca con la "M" di Motorsport e, quindi, caratterizzato da un marcato tocco sportivo, che ha confermato una volta di più la filosofia della Casa dellElica. Nel frattempo, è stata rafforzata la rete di distribuzione e assistenza in Spagna, mentre cercava di penetrare in un mercato come quello giapponese. I risultati in Giappone non si fanno attendere: tra il 1982 e il 1990, liscrizione è drasticamente aumentato a diventare sei volte quelli registrati durante il primo anno di BMW nel mercato giapponese. Nel 1982 Herbert Quandt morì, lasciando a suo figlio Stefan una cospiscua patrimonio, tra cui il 17.4% del pacchetto azionario della BMW. Nel settembre del 1983, cè stato un altro passo in avanti per il completamento della gamma di motori è stato infatti il primo motore diesel di marca BMW, una da 2443 cm 3 sovralimentato mediante turbocompressore e con il 115 CV di potenza massima. Tre anni più tardi, lo stesso motore è stato offerto anche in versione aspirata, con una potenza massima di 86 HP. I due motori ha preso il palco, rispettivamente, sotto il cofano della BMW 524td, e 524d, e sono stati il risultato di tre anni di studio presso lo stabilimento BMW a Steyr, in Austria, impianto inaugurato nel 1980. Nel 1984, è stato inaugurato un ulteriore nuovo stabilimento di Regensburg, al fine di soddisfare la crescente domanda di vetture per il mercato. Nello stesso anno, il motore da 3.5 litri, già utilizzato per spingere la M1 è stato rivisto ulteriormente e portato 277 286 CV di potenza massima. Così configurato, questo motore ha finito per equipaggiare la M635 CSi, una versione di punta della prima Serie 6. Cera poi unalternarsi di progressi sul piano tecnologico, lespansione delle reti di distribuzione e di assistenza, anche le nascite di nuovi stabilimenti, sia per lassemblaggio delle vetture, sia per la progettazione e lo sviluppo di motori. Ma non solo, altre innovazioni tecnologiche introdotte dalla società bavarese nella metà degli anni 80: nel 1985, ha debuttato, infatti, il 325ix, la prima BMW a trazione integrale.

Ma la forte spinta della BMW sul piano tecnologico non finisce qui, ma piuttosto, nel 1986 ci fu una grande novità è rappresentata dalla prima generazione dellM3, una berlina sportiva costruita sulla base della contemporanea Serie 3 e che con il passare degli anni e delle generazioni finirà per mettere in ombra la stessa come la M5. La prima M3, dotata di un motore specifico, progettato da disegno da soluzioni che derivano sullesperienza della casa bavarese in Formula 1, dove la BMW aveva debuttato già nel 1982. Nel frattempo, la gamma si è ampliata ulteriormente con larrivo delle nuove versioni dei risultati: nel 1985 ha lanciato la 325i Cabrio, la prima convertibile, dopo luscita di scena della versione "scoperta" sulla base della Serie 02. Due anni dopo, nel 1987, che ha debuttato il primo motore V12 della casa bavarese, una da 5 litri che va ad equipaggiare la seconda generazione della Serie 7 e che è andato a rafforzare limmagine del faro grande berlina BMW, in modo che si va sullo stesso piano del contemporaneo Classe S, la sua rivale naturale. Due anni dopo, nel 1989, ha preso il palco per il futuristico Z1 e il lusso di prima generazione della Serie 8. Mentre la prima era una roadster sulla base della E30 con contenuti innovativi, come, ad esempio, le porte scorrevoli aperto allinterno del corpo, la seconda novità è stata invece una grande coupé, sulla base di E32, che ha sostituito il primo della Serie 6, e alzò la lasticella del livello di prestigio e di esclusività della coupé, la BMW, dotate di accessori di abbigliamento, ecc, con motori V8 e V12, ma non con motori a 6 cilindri.

                                     

1.10. La storia di BMW. Anni Novanta: oltre i confini europei. (The Nineties: beyond the european borders)

80 si è conclusa nel migliore dei modi per la Casa dellElica: per la prima volta, è stato raggiunto e superato il traguardo del mezzo milione di vetture allanno, le vetture sono state richieste da ogni angolo del mondo. I tempi di profonda crisi sembrava ormai un lontano ricordo. Non solo, ma già poco tempo dopo la caduta del Muro di Berlino nel novembre 1989, il mercato è diventato piuttosto ricettivo anche nellormai ex Germania dellEst, e questo anche grazie al fatto che la BMW si muove con accortezza da prendere il suo posto già nellanno 1990 in Dresda va-istituzione Melkus, dove ha aperto un centro di assistenza. Sempre nel 1990, è stato firmato un accordo con Rolls-Royce per la produzione di motori per aerei in città, che ha visto anche la Casa inglese, era stato a lungo attivo nella produzione di questo tipo di propulsione. La joint venture, denominata BMW Rolls-Royce Aeroengines GmbH, farebbe da apripista per la successiva acquisizione del marchio da Crewe da parte di BMW. Ma cosa sarebbe successo negli anni successivi. Nel frattempo, in autunno, cè stato il debutto sul mercato della terza generazione della Serie 3, con diverse novità, sia sul piano stilistico che su quello tecnico. Questa presentazione, riservata solo alla stampa, si è svolto sul circuito francese di Miramas.

La società è stata a quel punto, una realtà industriale molto sano da un punto di vista finanziario le cospicue risorse economiche, che ha permesso per la progettazione, o meglio, la sperimentazione di tecnologie alternative, già in quegli anni. Per questo, al motor show di Francoforte del 1991, è stato presentato con la E1, unauto elettrica, con dimensioni compatte, da auto e motore da 44 HP. Questa vettura è rimasto allo stadio di prototipo, ma è stato tra i primi ad aprire la strada alla possibilità di utilizzare la trazione elettrica per le automobili. Tuttavia, uno dei capolavori di ingegneria di quel periodo, firmato da BMW è stato un V12 6.1 litri per 627 CV di potenza massima. Questo motore, tuttavia, non è stato montato su qualsiasi modello di BMW, ma nellhypercar la McLaren F1, introdotto nel 1992. Lanno seguente, Eberhard von Kuenheim, ha lasciato dopo più di due decenni, il ruolo di top manager di BMW, mantenendo il compito di capo del consiglio di sorveglianza, il nuovo presidente della società è diventato Bernd Pischetsrieder, che ha mantenuto la direzione fino al 1999 in via di sviluppo, non sempre con successo, il programma di espansione del mondo.

Nel 1994, la società ha acquisito il Gruppo Rover da British Aerospace holding dell80% del pacchetto azionario e la Honda, che invece di proprietà e per il restante 20%, e vetture prodotte congiuntamente allormai ex-gigante britannico. Nello stesso anno, la BMW ha inaugurato due stabilimenti nel continente americano, uno in Carolina del Sud, in particolare in Greer, non lontano da Spartanburg. Erano le 3 Serie per il mercato STATUNITENSE, i primi modelli a venire fuori dalle linee dello stabilimento BMW negli stati uniti. Il secondo stabilimento BMW di oltremare è stato messicano di Toluca, in realtà diviso in due sistemi, uno per la produzione di autovetture e laltro per la produzione di motociclette. La volontà di ampliare la propria offerta anche in segmenti di mercato fino a quel momento inesplorato e che ha portato la BMW per il lancio della sua prima auto del segmento C, vale a dire la Serie 3 Compact. Questo è stato uno dei primi flop nella storia della Casa tedesca, in quanto lauto è derivato direttamente dal normale Serie 3 E36, privo di una sua personalità precisa e, di conseguenza, semplicemente come una "Serie 3 dei poveri", con il suo corpo, due volumi e mezzo, tuttavia, stava cominciando a raccogliere meno di un consenso tra il pubblico, a favore del cosiddetto carrozzeria berlina.

Le mire espansionistiche di BMW in tutto il mondo ha raggiunto il picco di fervore, nel 1995, quando è stato firmato un accordo per lassemblaggio di moto in Indonesia, è stato rilevato, e un centro di design automobilistico degli Stati uniti, aprire nuovi stabilimenti in Brasile e anche in Vietnam, la creazione di una rete di vendita in Filippine. Nel frattempo, è stato lanciato il nuovo roadster Z3, che è stato prodotto per labbigliamento ecc in Greer, USA, e la quarta generazione della Serie 5. Sempre nel 1995, la collaborazione tra BMW e Rolls-Royce, estesa per lindustria automobilistica: ha iniziato la fornitura di componenti BMW per la fabbrica di Crewe e già allinizio del 1995 è stato costruito il concetto di auto Bentley Java, sfruttando la piattaforma della Serie 8 mark Bentley nel mezzo di decenni apparteneva ancora alla Rolls-Royce. Alla fine del 1996 sono stati prodotti quasi 645.000 veicoli del marchio BMW, mentre la Z3 è stato proposto anche un particolare del corpo coupe con portellone verticale, ma non ha ricevuto il successo sperato, nonostante la sua indubbia importanza della tecnica. Nellottobre del 1997 ha iniziato le trattative tra BMW e il gruppo Volkswagen, entrambi intenzionati ad acquistare la divisione automotive di Rolls-Royce, fino a quel momento di proprietà del gruppo e Vickers. Questi negoziati durato sei mesi, fino al marzo del 1998, quando è diventato chiaro come questi sarebbe venuto a una fine. Tuttavia, fu solo nel luglio del 1998, che la BMW è stata in grado effettivamente di acquisire il marchio Rolls-Royce, ma inizialmente non riusciva a ottenere i diritti per la mascotte della Casa inglese, la statua che si chiama "Spirito di Ectasy", e la forma del radiatore, che invece sono stati trasferiti al gruppo VW. Solo pochi anni dopo, come si vedrà, è riuscito a raggiungere un accordo con la Volkswagen. Tuttavia, il controllo della fabbrica di Crewe è venuto sotto il controllo del colosso di Wolfsburg, per cui la situazione non era facile e per questo motivo, per quanto riguarda la Rolls-Royce, si tende storicamente a prendere in considerazione il periodo tra il 1998 e il 2003, in quanto gestito da Volkswagen, anche se il brand di proprietà della BMW, e anche se la società bavarese per la fornitura dei propri motori.

I 90 si è conclusa con un ulteriore passo in avanti nella progressiva diversificazione della gamma BMW, questa volta al di fuori dei tradizionali nicchie di mercato per sostituirci al contrario, nel settore dei SUV di fascia alta. Le sinergie con il gruppo Rover, ha permesso di creare una base meccanica che combina la piattaforma del contemporaneo Serie 5 con la meccanica di Range Rover, a quel punto, giunto alla sua seconda generazione. Il risultato è stato lX5, presentato a Detroit motor show del 1999, il capostipite di una famiglia di SUV più articolato negli anni a venire. Certamente uno dei risultati di maggior rilievo, insieme con le future generazioni di Mini, compresi quelli risultanti dallottenimento del gruppo Rover. Per il resto, infatti, la collaborazione si è rivelata molto soddisfacente, tanto che alla fine degli anni 90 si cominciò a cercare un acquirente per il gruppo britannico. Anche questa decisione ha avuto conseguenze sul top del gruppo BMW: il CEO di Pischetsrieder è stata attribuita la responsabilità di aver fatto un passo falso come quello di avere acquistato lintero gruppo Rover, effettivamente il programma di fallimento in vista della grande perdita finanziaria alla fine del decennio del secolo. Fu così che, ancora nel 1999, Pischetsrieder lasciato la guida del gruppo BMW: al suo posto è venuto Joachim Milberg. Con Pischetsrieder rassegnato, Wolfgang Reitzle, direttore vendite e membro del consiglio di amministrazione durante gli anni 90.



                                     

1.11. La storia di BMW. Il nuovo millennio: la diversificazione e razionalizzazione delle sinergie. (The new millennium: the diversification and rationalisation of synergies)

Rimase per risolvere la delicata situazione in relazione al gruppo Rover, che durante gli anni 90, nonostante lappoggio della BMW hanno continuato ad avere un bilancio colabrodo: alla fine del 1999, fatta una vera e propria emorragia finanziaria, per un importo di un miliardo di marchi. Il nuovo millennio si apre, quindi, con lintento di procedura di spin-off e la vendita del gruppo Rover. Si è parlato anche di spin-off in quanto non tutto il gruppo è stato venduto da BMW e non tutta la parte venduta andato solo un altro acquirente. Infatti, la Land Rover è stata venduta alla Ford, mentre il marchio Mini è stata mantenuta dalla BMW, che ha realizzato il potenziale commerciale. Il resto del gruppo Rover è stata sollevata nel gruppo MG Rover, e rilevato dal Consorzio Phoenix. Anche se molti avevano ritenuto infelice il fatto che il marchio Mini è ancora di proprietà di BMW, va notato che la società bavarese ha acquisito conoscenze tecniche per lo sviluppo della piccola, Mini, la configurazione a trazione anteriore sarebbe labbigliamento ecc contribuito positivamente alla sviluppi industriali di BMW nei decenni successivi. Non solo, ma nel momento in cui il gruppo Rover, è andato fuori di mano era già in fase avanzata il progetto relativo alla nuova generazione della Mini, che avrebbe sostituito quella storica, ormai quasi del tutto invariato, alla vigilia del nuovo millennio, quarantanni dopo la fine della carriera. Questo modello è stato il risultato di una collaborazione che ha visto anche la partecipazione del gruppo Rover, in primo luogo, ma anche Chrysler, per quanto riguarda i motori da utilizzare. La Mini che ha debuttato nel 2001, è stato anche uno dei primi frutti di una serie di alleanze, che nel corso degli anni seguenti sarebbe stato stretto tra la BMW e gli altri produttori di tutto il mondo.

Nel 2001, cè stato il lancio della quarta generazione della Serie 7, un modello molto discusso, perché il design di rottura, firmato dallestroso Chris Bangle, ha scatenato le ire dei detrattori, che è venuto anche a raccogliere un numero di firme per richiedere le dimissioni del Bracciale stesso. Questo non era il caso e il responsabile del design BMW ha continuato la sua attività allinterno del gigante bavarese. Il 2001 è stato anche lanno in cui lamministratore delegato Milberg lasciò il suo incarico per motivi di salute: tornerà nel 2002, con un altro ruolo, ma sempre allinterno del consiglio di amministrazione, lincarico di amministratore delegato della BMW è stata scattata da Helmut Panke. Allo stesso tempo fuori dal lavoro per un nuovo stabilimento BMW di Lipsia. Nel 2003, si è concluso, invece, le delicate trattative con il gruppo Volkswagen per la domanda di Roll-Royce. Infine, la società ha completato una nuova fabbrica di Goodwood, che sarebbe utilizzato per la produzione dei futuri modelli Rolls-Royce, liberandosi così dalla dipendenza dalla fabbrica di Crewe, che è stato il colosso di Wolfsburg che si sarebbe assemblati i modelli Bentley. Sempre del 2003 è stato anche il lancio del suo secondo SUV a marchio BMW, cioè la X3, che è andato un gradino più in basso rispetto alla X5. E ancora, il 2003 ha visto la firma di una joint-venture tra BMW e cinese Brilliance, che ha permesso allazienda di raggiungere nel mercato della Cina, una scelta molto azzeccata, in vista della ricettività del mercato. Nel 2004 è stato lanciato il primo vero BMW segmento C, ovvero la Serie 1, è destinato a sostituire la sfortunata Serie 3 Compact nel prezzo della Casa dellElica. Il 2004 è stato anche lanno in cui gli esperimenti con la tecnologia fuel-cell, che è già stata avviata un paio di anni, è diventata una realtà con la Hydrogen 7, una macchina sperimentale, creato sulla base della contemporanea con la Serie 7, e alimentato con celle a combustibile. Nel 2006 inizia la collaborazione tra BMW group e il gruppo PSA per lo sviluppo del motore a benzina che alimenta la Mini e i diversi modelli del gruppo PSA. Nello stesso anno, Helmut Panke, e ha lasciato lincarico di amministratore delegato e stato sostituito da Norbert Reithofer. Sempre del 2006, è stato anche il lancio del primo motore turbo a benzina, dopo decenni di assenza dai listini BMW: una da 3 litri con sovralimentazione a due stadi, in grado di erogare fino a 306 CV. Questo motore farà il suo debutto sotto il cofano della BMW 335i Coupé.

Nel 2007 è stato inaugurato il BMW Welt, una mostra vicino al Museo BMW e stabilimento di Monaco di baviera, con negozi, ristoranti e, naturalmente, la possibilità di visionare ed eventualmente acquistare una BMW. Lanno successivo ci fu il debutto della X6, un X5 con il corpo guide nella parte posteriore, fino a che alcune delle caratteristiche di una coupé. La crisi finanziaria scoppiata alla fine del 2008 è stato trattato dalla Casa bavarese con un certo grado di efficienza relativa, visto i risultati commerciali, tuttavia, positivo. Tuttavia, nel secondo decennio del nuovo secolo reso necessaria una razionalizzazione a livello industriale che ha portato alla nascita di tutta una serie di famiglie di motori modulari, caratterizzata dalla cilindrata unitaria che è comune a tutti questi motori, e lequivalente di mezzo litro. Questi motori sono in rapida sostituzione di tutti gli altri motori a benzina e diesel prodotti fino a quel momento. Nel frattempo, il bisogno è sempre urgenti per contenere i costi di produzione porta alladozione della piattaforma e la Mini BMW modelli di fascia medio-bassa, e quindi per il SUV compatto della serie X1 F48 e X2, il nuovo mpv la Serie 2 Active Tourer e Grand Tourer e la terza generazione della Serie 1, il cui lancio è stato fissato per il 2019. Per quanto riguarda levoluzione della gamma del nuovo millennio, con i severi requisiti ambientali ha portato prima alla nascita di alcune versioni ibride sulla base della Serie 3 e Serie 5, e in seguito alla nascita di modelli elettrici come la i3 e la sport hybrid, la BMW i8. La progressiva elettrificazione della gamma BMW è uno dei punti chiave del programma di produzione dei bavaresi, proprio a causa della maggiore sensibilità delle istituzioni verso la produzione di auto ad emissioni zero o molto piccoli. Nello stesso periodo, la produzione BMW concentra molto anche la crescente presenza di dispositivi per lassistenza della guida, così come allinterazione tra di loro in modo da raggiungere progressivamente il concetto di guida autonoma, su cui anche altri produttori, nello stesso periodo, la seconda metà dei 10 anni del xxi secolo, sono al lavoro.

Vale la pena di spendere due parole sulla famiglia Quandt, che per molti decenni, gestisce e dirige le sorti di uno dei più grandi automobilistica più importante al mondo. La famiglia Quandt ha sempre mantenuto dal 1959, il possesso di una quantità più importante delle azioni di BMW esercizio del sistema di controllo della società, dopo la morte di Herbert Quandt, la famiglia è stata rappresentata prima da sua moglie Johanna Bruhn Quandt, un personaggio di grande prestigio, che morì di vecchiaia nel 2015, e poi dai figli Stefan Quandt e Susanne Quandt Klatte, che sono attualmente i detentori del pacchetto azionario di maggioranza, e hanno unimportante influenza sulle scelte dei dirigenti operativi.

                                     

1.12. La storia di BMW. Produzione. (Production)

In aggiunta ai tradizionali impianti europei tedesco BMW prodotta anche in altri continenti.

Dagli anni settanta, ha allattivo la produzione in Indonesia, nella creazione di Jakarta.

Alla fine degli anni novanta, ha iniziato la produzione di una X5 e la Z3 a Spartanburg, negli Stati Uniti, queste piante in South Carolina sono stati montati anche la Z4 E85 fino allagosto 2008, sempre nel continente americano, in Messico, è attiva nella produzione di Serie 3 nella città di Toluca, per la precisione.

La presenza nel continente africano, dove la BMW è presente dal 1959, con una fabbrica in sud Africa a Rosslyn Gauteng in cui sono assemblati Serie 3, è stata rafforzata nel 2003 con listituzione della Bavarese Auto, azienda del Gruppo che produce e distribuisce le automobili di BMW in Egitto, attualmente in struttura, legiziano di ottobre Città sono assemblati Serie 3, Serie 5, Serie 7 e X3.

Di recente ha iniziato la produzione in nuove fabbriche in asia, il più importante in Thailandia, lo stabilimento di Rayong inaugurato nel maggio del 2000 a seguito di un investimento di 25 milioni di dollari, produce la Serie 5 e la Serie 7, e il SUV X3.

Nel 2003, attraverso la joint venture con il produttore cinese Brilliance, la Serie 5 e la Serie 3 sono prodotti in Cina, nella città di Shenyang.

Dal 2004 è iniziata la produzione della Serie 3, in Malesia, in Selangor, più recentemente iniziato lassemblaggio di queste vetture, anche in fabbrica, nelle Filippine.

Nel 2007 è iniziata la produzione della Serie 3 e Serie 5 a Chennai, in India e Karachi, in Pakistan.

                                     

2.1. Caratteristiche. Meccanica. (Mechanical)

La produzione BMW è da sempre caratterizzato dalla propensione alla meccanica di alta qualità e ad alte prestazioni. Famoso alcuni dei suoi motori per aerei come il BMW 801. Fino ad ora, la BMW non ha mai usato un motore a sei cilindri a v di configurazione. Questa caratteristica lo rende uno dei pochi produttori al mondo che equipaggia attualmente le sue vetture con motori a sei cilindri in linea comunemente noto con lacronimo L6, e trazione posteriore architettura che ha legato buona parte dei loro destini a 75 anni. Allo stesso modo motocicli e BMW sono le uniche che si riproducono per decenni eliche con architettura boxer a cilindri contrapposti e trasmissioni cardaniche. Recentemente introdotto la tecnologia, "Valvetronic" che rende possibile il corpo farfallato in motori a Ciclo Otto. Da qualche anno, BMW conduce esperimenti sui veicoli alimentati a idrogeno, applicato principalmente sullammiraglia Serie 7, con motori a combustione interna. Nel 2004, il primo costruttore a proporre un motore a ciclo Diesel con un motore turbo a due stadi tecnologie derivate dallmotori marini, che prevede due o più turbine montate in serie, a volte di dimensioni diverse, come nel caso del motore BMW.

                                     

2.2. Caratteristiche. Design

Laspetto delle automobili BMW è legata ad alcuni famosi designer come Albrecht Graf Goertz, Paul Bracq, Claus Luthe. Il design della BMW, che comprende anche molte "matite" di italiano Giorgetto Giugiaro, Ercole Spada, in particolare italiana, Giovanni Michelotti, che, tra gli anni sessanta e gli anni ottanta ha progettato molte vetture del marchio, contribuendo più di altri caratterizzano il moderno BMW. Dal 1992 fino allinizio di febbraio del 2009, la direzione è stata affidata a allamericano Chris Bangle, che ha dato una svolta decisiva alla produzione malgrado le dure critiche riservate, in modo particolare, la Serie 5 e Serie 7.

Tra le caratteristiche e il design distintivo delle vetture bavaresi moderno cè la calandra con la griglia anteriore, il doppio rene, il gomito di Hofmeister, i gruppi ottici anteriori cosiddetti occhi dangelo ", le luci posteriori, dalla progettazione alla L rovesciata ", e nelle auto di prima degli anni 90 il fronte" a muso di squalo ".

                                     

3. Moto. (Bike)

La divisione è stata fondata nel 1923 per la produzione di veicoli a due ruote, nel 2007, ha ricevuto un cambio di nome e di una maggiore distinzione rispetto alla produzione di auto, con la nascita di BMW Motorrad.

                                     

4. BMW e lattività. (BMW and activity)

A partire dagli anni 30, la BMW non ha mai trascurato lattività, soprattutto a causa delluso della 328 Roadster a gare, uso che si rivelerà essere gratificante dal 1936, con la vittoria nella categoria allEifelrennen, seguita da la vittoria alla 24 Ore di Le Mans del 1939, e termina con laffermazione alla Mille Miglia del 1940, la guerra era già iniziata. Durante gli anni 50 cerano un paio di eventi sportivi in cui BMW ha gareggiato, ma nel decennio successivo, cè un grande fiorire, ed eventi come la Casa di Monaco ha partecipato sia direttamente, come un costruttore, o indirettamente, ossia come fornitore di motori di vetture elaborate dai formatori. I successi sportivi del dopoguerra iniziò già nel 1960, qquando si è deciso di utilizzare la piccola BMW 700 in alcune competizioni di alto livello, come il Campionato tedesco della Montagna e la Coppa del Turismo Europeo, dove la macchina ha incontrato il prestigioso crediti e ha visto tra le altre cose la partecipazione di vecchie glorie dellautomobilismo sportivo come Hans Stuck, già con una notevole esperienza allauto europa durante gli anni 30.

                                     

4.1. BMW e lattività. I campionati Turismo e GT. (The championships Tourism and GT)

Si è già accennato sopra allimpronta sportivo dato da BMW per i suoi modelli dai primi anni 60: infatti, questi modelli hanno dimostrato di essere fortemente orientato alla concorrenza, come dimostrato dalla partecipazione alle edizioni del 1965 e il 1966, e la 24 Ore di Spa, in cui hanno vinto, rispettivamente, Pascal Ickx e il suo più famoso fratello Jacky, la prima BMW 1800 TI / SA, e la seconda, al volante di una 2000ti. È stato in entrambi i casi le auto sono solo leggermente sviluppate, e quindi non molto lontano dalla configurazione di serie. Notevole anche la vittoria al Nürburgring raggiunto da Dieter Quester e Hubert Hahne, al volante di una BMW 2002, vittoria, valido per lEuropean touring car Championship. Il potenziale di berline BMW di quel periodo che ha visto alcuni dei preparatori particolarmente competente e attivo. Tra questi cerano alpina di Burkard Bovensiepen, che divenne uno dei più noti allenatori di BMW, spesso i risultati sono più che soddisfacenti nel campo dello sport. A partire dal decennio successivo, il marchio di Buchloe sarebbe diventato un piccolo produttore, famoso per proporre modelli di BMW, con produzioni che sono particolarmente ricche e con motori particolarmente potenti, ma commercializzati con il marchio Alpina. Lalpina sarà lì a pochi anni un collaboratore prezioso nella preparazione di una BMW 3.0 CSL: lassistente era Jochen Neerpasch, che aveva appena aperto il suo business che si specializza nel trattamento di BMW, vale a dire, il Motorsport, che a distanza di anni ci darà la sua iniziale versioni, la più estrema della gamma BMW, dando vita, in primo luogo, i modelli M3, M5 e altri modelli di punta inserita nella gamma ufficiale della Casa, ma, soprattutto, utilizzato in buona parte nelle competizioni sportive. Un altro preparatore strettamente legato a quello della BMW è stato il Schnitzer, nato come un laboratorio di elaborazione solo alla fine degli anni 60, ma esistente già più di trentanni, prima come officina Opel e scuola guida. Di grande importanza sono le partecipazioni di BMW campionati, nel Turismo e nel campionato FIA GT, a cui hanno preso parte, e prendono parte il tempo, vetture elaborate dal Motorsport o anche da Schnitzer.

                                     

4.2. BMW e lattività. Il campionato europeo della montagna. (The european championship of the mountain)

La salita era un altro specialista dellautomobile in cui la BMW non riescono a brillare di luce propria, in particolare nel periodo tra la fine degli anni 60 e linizio degli anni 70. Nel 1968, tuttavia, segnato dalla vittoria di Ernst Furtmayr nel campionato europeo della montagna nella categoria Turismo, al volante di una 2002ti. Lo stesso pilota per il successo lanno seguente, sempre a bordo di un 2002ti, ma anche nelledizione 1970, anche se questa volta era a bordo di una BMW 2800 CS. la pubblicazione nel 1971 il campionato europeo della montagna e stato lo svizzero Walter Brun a portare al successo la sua 2800 CS.

Dopo una lunga pausa, negli anni 80 la BMW ha continuato a vincere il campionato europeo della montagna, dove ha partecipato sia con la propria auto, sia come fornitore di motori per veicoli immatricolati nella categoria Rennwagen, cioè spesso con i prototipi realizzati ad hoc. Nel 1983 e nel 1984 fu Rolf Goering a trionfare con la M1 nella categoria riservata alle vetture derivate dalla produzione di serie. Lanno seguente, nella stessa catgeoria, il francese Francis Dosières per vincere, mentre nella categoria prototipi, la vittoria è andata a Mauro Nesti su Osella PA9 motorizzata BMW. Un notevole "final five" ottenuti tra il 1989 e il 1993 dalla M3: in quattro di queste edizioni è stato ancora Francesco Dosières per la vittoria, mentre premere edizione, nel 1991, il primo posto è andato allo spagnolo Inaki Goiburu, con Dosières subito dietro. E ancora merita di essere ricordato dieci vittorie di sempre nel campionato europeo della montagna, fra il 1995 e il 2006: con leccezione delle edizioni nel 1996 e nel 2002, in altri anni, la vittoria è andata ad una M3, che in quelle annivenne conquistato il ceco Otakar Krámský 1995, 1997 e 1998, dal croato Niko Pubblica 1999, 2000 e 2001 da Robert Senkyr il 2003 e il 2004, di origine ceca, e il tedesco Jörg Weidinger il 2005 e il 2006. Degni di nota sono anche le vittorie di altri prototipi motorizzata BMW, come il primo posto ottenuto nel 1989 dalla Lola T298, le vittorie dei vari prototipi Osella motorizzata BMW edizioni, 1993, 1999, 2000, 2001, 2004 e 2005.

                                     

4.3. BMW e lattività. Exploit in Formula 2. (Exploits in Formula 2)

Non deve essere trascurato, né lattività della Casa di Monaco nel Campionato europeo di Formula 2, un campo in cui la BMW è presente dal 1969, anche se solo come fornitore di motori, tranne che nei primissimi momenti: i primi risultati di una certa importanza erano un quarto e un terzo posto ottenuto da Dieter Quester, che nel 1970 BMW 270 F2, e nel 1971 Marzo 712 METRI motorizzata BMW. Dal 1971, la Casa dellElica avrebbe fornito i suoi motori. Nel 1973 è arrivata la vittoria con la March-BMW del francese Jean-Pierre Jarier. E nei due anni successivi è andato anche meglio: il 1974 con Patrick Depailler e Hans-Joachim Stuck, che hanno conquistato i primi due posti in marcia-BMW, mentre al terzo posto è arrivato un altro Marzo-BMW, guidata da Jacques Laffite, ma appartenente alla BP Racing France. 1975 ha visto la stragrande maggioranza dei piloti di partecipare con vetture motorizzate BMW: solo alcuni sono stati ancora motori Ford. Era Laffite vincere in questo caso, la vittoria, al volante di una Martini-BMW, mentre il secondo e terzo posto si è classificato Patrick Tambay e Michel Leclère, sia in Marzo-BMW. Notevoli sono anche le vittorie allEuropeo di Formula 2 edizioni: 1978, 1979, 1982, rispettivamente, da Bruno Giacomelli Marzo-BMW, Marc Surer BMW Junior Team e Corrado Fabi è ancora in Marzo-BMW.

                                     

4.4. BMW e lattività. La BMW e la Formula 1. (The BMW and the Formula 1)

La prima gli investimenti non ufficiali della BMW in Formula 1 si trovano già negli anni 50 e 60, ma senza risultati di rilievo, la migliore prestazione è stata ottenuta da Hubert Hahne, 10 ° nel Gran Premio di Germania nel 1968 con una Lola motorizzata BMW.

Più soddisfacente e più a venire negli anni 80 e nel 1983 Nelson Piquet ha vinto il campionato del mondo al volante della sua Brabham-BMW turbo, tra le altre cose, il brasiliano e il suo team hanno la soddisfazione di salire verso il primo in una nuova epoca di sovralimentazione. La potenza sviluppata dal motore bavarese arrivò a superare i 1300 HP.

Dal 2000 al 2005, la società bavarese ha partecipato nella massima serie, in qualità di fornitore della famosa scuderia Williams, vincendo dieci Grand prix.

La BMW squadra che gioca nel Campionato mondiale di Formula 1 dalla Stagione 2006 con un Team BMW Sauber. I suoi colori sono lstorico bianco-blu BMW.

L8 giugno 2008-vincitore in Canada, grazie per il pilota polacco Robert Kubica, il suo primo Grand Prix come un costruttore al 100%.

Il 29 luglio 2009, la BMW ha ufficialmente annunciato il ritiro dallattività sportiva in Formula 1 alla fine della stagione 2009.

Anche gli utenti hanno cercato:

bmw configuratore, bmw italia, bmw modelli, bmw prezzi, bmw serie 1, bmw serie 3, bmw usato, bmw x1,

...

Bmw serie 3.

BMW Usate Crema Cremona Brescia Milano Pluricar. Ruote in lega per bmw, vendita cerchi in lega, 20200130. Bmw prezzi. BMW moto, catalogo moto nuove, listino prezzi. Se per Bmw il 2019 è stato un anno intenso, quello appena iniziato non sarà da meno. A partire dal debutto per il primo Suv elettrico della sua.





Bmw serie 1.

Concessionaria BMW Autotorino. Cerca tra le nostre opzioni Bmw per il noleggio aziendale. Ci sono 5 Bmw disponibili ora. Visualizza le nostre offerte di noleggio aziendale!. Bmw italia. Usata AutoVanti Monza. Da sempre BMW è sinonimo di potenza, prestazioni e design ricercato. Il rombo dei motori prodotti a Monaco di Baviera è diventato nel corso degli anni un. Bmw modelli. BMW: Dal 2025 auto a idrogeno costeranno quanto quelle a benzina. BMW Ricambi Auto. Seleziona il modello e la versione della tua auto per navigare tra i reparti e scegliere tra gli accessori BMW e ricambi BMW disponibili nel.


Bmw usato.

TULLO PEZZO Concessionaria BMW Group Mantova. Bmw Serie 3 Berlina 330 i Msport Steptronic. - km. Benzina. 1.998 cm 3. Automatico sequenziale. 258 CV. 57.700 €. Nuovo. Bmw Bonera Group. CONFIGURA LA TUA NUOVA BMW. Seleziona il modello che stai BMW Serie 3 Gran Turismo. Da € 41.850 Nuova BMW Serie 2 Gran Coupé. Da € 32.000. Scopri le auto nuove e usate BMW biAuto Group. Secondo BMW le auto elettriche a idrogeno costeranno quanto quelle a benzina, e questo succederà fra il 2025 e il 2030. BMW: Listino prezzi 2019 e configuratore auto nuove DriveK. Vendiamo il meglio di due brand che hanno fatto la storia dellautomotive: BMW e MINI. Scopri con noi le offerte sul nuovo e sullusato e affidati ai nostri esperti.





Bmw cad dwg Archweb.

Vendita e Assistenza auto nuove ed usate per i marchi BMW, vieni a scoprire i nostri servizi le nostre promozioni. Usato BMW premiun, ti aspettiamo. AD Motor: Concessionaria BMW e MINI a Perugia, Foligno e Siena. Bmw, tutti i modelli di auto bmw in dwg, cad, dwg, download gratuito, tutti i file dwg per tutte le necessità del progettista. Rolandi Auto BMW e MINI ad Alessandria. BMW viene fondata nel 1913 e si dedicò inizialmente alla produzione di aerei. Il suo acronimo rappresenta la traduzione di Fabbrica di Motori Bavarese e ne.


Bmw sfreccia 43 volte davanti al velox: colleziona multe per 7 mila.

BMW usate, semestrali o nuove a prezzi convenienti su Informati qui sulle BMW usate, semestrali o km 0. Grazie al gran numero di offerte BMW,. Car Sharing Milano DriveNow Come funziona BMW & MINI. Concessionaria BMW Modena, Concessionaria MINI Modena. Vendita veicoli Nuovi, Km0 e usati. BMW auto storia marca, listino prezzi modelli usato e alVolante. Birindelli concessionaria ufficiale BMW a Empoli, Prato, Arezzo, Lucca, Monsummano Terme e Poggibonsi. Vendita BMW, auto nuove, usate, aziendali e officina. Portale clienti BMW ConnectedDrive – il collegamento in rete. BMW Auto: il listino prezzi completo dei modelli in commercio del costruttore tedesco, gli allestimenti le motorizzazioni.


Home BMW Motorrad Italia.

Sembra che la BMW M340d stia arrivando: la Serie 3 sportiva sarà spinta da un diesel mild hybrid da 340 CV e 700 Nm di coppia. Sarà sia. Reggio Motori. Concessionaria BMW e MINI Auto usate, automobili. Scopri Ora i Vantaggi Speciali delle Offerte BMW Noleggio Lungo Termine. Richiedi Subito un Preventivo Online Personalizzato per Privati e Aziende anche​. Dimensioni di auto BMW con lunghezza, larghezza e altezza. Prezzi 2020 e offerte auto BMW. Configura e confronta X3, X1, X4 e tutte le auto a listino. M.Car: Concessionarie BMW e MINI a Napoli e Caserta. La concessionaria ufficiale BMW MINI Reggio Motori, con sede a Reggio Emilia, è operativa in tutta Italia. Eccellenza dei servizi ed eccellenza dei prodotti,.





BMW informazioni tecniche, prezzo, allestimenti AutoScout24.

La BMW è unazienda tedesca produttrice di autoveicoli e motoveicoli, con sede a Monaco di Baviera. BMW Usate Autobaselli Auto Usate, Vendita Auto Usate. BMW Serie 1 BMW Serie 4. 435d xDrive Gran Coupé Msport Aut. € 35.900.00. Anno 08 2017. Km 30.871. Diesel BMW Serie 5 520 usato. BMW Serie 5. Vinci lAuto Green Intesa Sanpaolo. Siamo concessionaria e officina autorizzata BMW e MINI a Perugia, Foligno e Siena. Vendita auto nuove, km0, usate, aziendali e assistenza post vendita.


Birindelli, Concessionaria auto BMW nuove e usate in Toscana.

Il prezzo e altri dettagli possono variare in base alle dimensioni e al colore. BMW Gocce di Pioggia Scintillanti con Supporto e Deodorante per Auto Originali. AutoVanti: Concessionaria BMW e MINI. Il gruppo Bmw è unazienda tedesca produttrice di autoveicoli e motoveicoli. Attiva con i tre marchi Bmw, Mini e Rolls Royce Motor Cars, la società possiede 15. BMW usate e a km 0 in vendita brumbrum. Il nostro Service. BMW, MINI o altre marche? Siete sempre i benvenuti. Dal 1964 ci piace mettere le mani addosso alle vostre auto.


Ricambi auto BMW Ricambi Auto Autoricambi.

Tutte le novità sulla gamma BMW le promozioni vendita e post vendita, ti aspettano presso Maldarizzi. BMW Italia Home Facebook. Scopri la gamma di pneumatici Goodyear per BMW. Usato auto BMW KM 0 vendita Brescia Nanni Nember. BMW Italia. Mi piace: 1.1 mln. Benvenuti sulla pagina ufficiale di BMW Italia. Seguiteci per rimanere aggiornati su tutte le novità del mondo BMW e. Listino prezzi auto nuove BMW MotorBox. Con i BMW ConnectedDrive Services può collegare la Sua BMW a tutto il mondo. Nel portale clienti BMW ConnectedDrive può comodamente. Offerte BMW Noleggio Lungo Termine. Romano Automobili BNLT. Usata. Trova la tua auto in AutoVanti Monza, concessionaria ufficiale BMW e MINI.





Cerchi in lega per BMW OZ Racing.

Listino prezzi auto nuove BMW tutti i modelli: Serie 1, Serie 2 Active Tourer, Serie 2 Cabrio, Serie 2 Coupé, Serie 2 Gran Tourer, Serie 3 Gran Turismo, Serie 3. Concessionaria BMW M BMW i Autostar. PREZZI VALUTATI da AutoUncle 16.389 BMW X Series usate valutate da AutoUncle Raccolte da oltre 409 siti Valutazioni obiettive dal 2010. Ricerca Auto Moto Gruppo Fimauto Autogemelli. Serie 2, X6 e i4 i modelli più attesi delle novità BMW 2020 presentate sul mercato​: scopriamo di più sulla nuova gamma di vetture della Casa di. Bmw Offerte noleggio Bmw a lungo termine: prezzi LeasePlan. Moto Bmw nuove: annunci con fotografia di moto nuove Bmw di concessionari e privati.





BMW X Series usate in vendita 16.389 AutoUncle.

Catalogo BMW moto, listino prezzo moto nuove, scegli i nuovi modelli e leggi il costo, i consumi, optional e abs, scheda tecnica della marca BMW. Bmw Serie 8 Gran Coupé: la prova. Scopri la nuova gamma delle polizze auto ViaggiaConMe, inserisci la targa e partecipa allestrazione di una BMW X5 ibrida e di due BMW 225xe. Partecipa ora. Bmw: le novità auto in arrivo per il 2020. Dalla iX3 alla Serie 4 La. Nanni Nember ha sempre legato il suo nome al concetto di qualità. Ecco perché le nostre proposte di auto usate, km0, nuove o aziendali sono selezionate con. BMW Gruppo Diba. Siamo service e concessionaria ufficiale BMW, BMW i e MINI ad Alessandria e Tortona. Ci dedichiamo anche alla vendita di usato garantito e abbiamo un.


Ceccato Motors – Concessionaria BMW MINI e Motorrad a Padova e.

Il piacere di guidare è BMW. Scopri tutti i modelli della Gamma BMW. Novità BMW 2020: Serie 2, X6 e i4 tra i modelli più attesi. I migliori cerchi in lega made in Italy per BMW, scopri la selezione di ruote BMW nel sito OZ Racing. BMW M340d: attesa la Serie 3 diesel ibrida da 340 CV e 700 Nm. Ti aspettiamo nelle sedi di Cuneo, Asti, Torino e Genova per mostrarti i nostri veicoli usati e nuovi. Vieni a trovarci in sede. Pneumatici Bmw: cerca i più adatti per la tua auto Pirelli. Ancora più coupé ma con la guida di uno Sport Activity Vehicle, la nuova Bmw X6 presentata tra la neve e il ghiaccio a Livigno. Autoclub S.p.A. Concessionaria BMW Modena Concessionaria. Dimensioni della gamma di auto nuove BMW con foto per confrontare le misure di lunghezza, larghezza e altezza di ogni modello.





Difetti bmw 118d 143cv.

BMW Serie 1 E81 82 87 88 BMW E87 Stereo touch screen. Scopri su Qu il listino prezzi della BMW Serie 1 E87 in base ad allestimento, motorizzazione ed accessori!. Bmw e82. Cerchi Bmw Serie 4. BMW Serie 1 E81 – 3 Porte. Gamma lungo gli anni: Diesel. 116d 2.0 116 CV ​03 2009 06 2012 118d 2.0 143 CV 03 2007 06 2012 120d 2.0 177 CV. Bmw serie 1 e87 recensioni. Batteria per BMW 1 Hatchback E87 online a buon mercato. Tutti i cerchi in lega e i cerchi in ferro per la tua Bmw Serie 4 su gomme auto. Set completo di 4 1 Serie E87 5 porte 116i, 118d I, 120d I, 130i. Las mejores.


Bmw serie 2 2019.

Usato BMW Serie 2 Active Tourer 218d Active Tourer Hurry!. Bakeca: consulta tutti gli annunci gratuiti di Bmw Serie 2 usate, nuove e km 0 in offerta a Roma. Scegli subito lauto perfetta per te su.


Bmw serie 3 motore.

Bmw serie 3 msport Auto usate Kijiji: Annunci di eBay. Trova la tua prossima BMW Serie 3 aziendale tra le 19 offerte di. Confronta i prezzi e scegli, in pochi clic!. Nuova bmw serie 3 touring 2019. Nuova BMW Serie 3 Touring 2019: allestimenti, motori, consumi. In allegato foto e video della presentazione stampa nazionale della nuova BMW Serie 3. Bmw serie 3 touring 2019. Noleggio BMW 3 Series Station Wagon in Italia Hertz Dream. Scopri migliaia di annunci di BMW Serie 3 nuove e km 0 in Italia, in pronta consegna: lauto dei tuoi sogni al miglior prezzo su Vetrina Motori.





Bmw serie 4 coupè usata.

Listino BMW Serie 4 Coupé prezzo scheda tecnica consumi foto. Trova gli pneumatici per BMW Serie 4 le informazioni le dimensioni per la tua BMW Serie 4 e i prezzi i più convenienti con rezulteo!. Bmw serie 4 m sport. Auto Usate Bergamo BMW Serie 4 Gran Coupé Diesel 420d Gran. PREZZI VALUTATI da AutoUncle 3.489 BMW 4 Series usate valutate da AutoUncle Raccolte da oltre 409 siti Valutazioni obiettive dal 2010.


Bmw serie 5 pedia.

Pneumatici per BMW Serie 5. SPOILER POSTERIORE SUL TETTO BMW SERIE 5 F11 2011 2016 TOURING LOOK M Paraurti anteriore BMW Serie 5 F10 F11 Berlina Touring M5 M Sport. Bmw serie 5 2019. Pneumatico auto Bmw Serie 5 Touring, Pneus Online: pneumatico. Scopri su Qu il listino prezzi della BMW Serie 5 berlina in base ad allestimento, motorizzazione ed accessori!. Bmw serie 5 nuova. Noleggio usato BMW Serie 5 SW 520d Touring Business a 449. La BMW serie 5 – arrivata alla sesta generazione nata nel 2010 e nota anche con la sigla F10 – è una delle ammiraglie più apprezzate al. Bmw serie 5 f10. Bmw Serie 5 Bakeca. ROMA Sviluppata sulla base della BMW Serie 5, la nuova Alpina B5 Biturbo Touring ambisce al titolo di famigliare di produzione più veloce.


Bmw serie 620.

Quotazione BMW Serie 6 Valutazione Auto Usate PriceGuru. 3 303 bmw serie 6 germania doccasione su Il Parking, il sistema di ricerca di auto doccasione più veloce del web. Benzina, diesel, ibrido? Trovi lauto dei suoi​. Bmw serie 6 d epoca. Bmw Serie 6 Bakeca. Tutte le informazioni e notizie riguardo alla BMW Serie 6, dalle schede tecniche al listino prezzi. Foto inedite e lanteprima del nuovo modello in uscita. Bmw serie 6 2018. BMW, il grande ritorno della Serie 8: la nuova coupé sostituirà la. BMW Serie 6 Gran Turismo, listino prezzi auto nuova, optional, motorizzazioni benzina, diesel, gpl, prova, consumi, dimensioni, configuratore, allestimenti, pregi.





...
Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →